Discussione Srr: intervento di Valentina Speciale in consiglio comunale

Maggioranza e opposizione, credo che non siano mai stati in sintonia come in questo momento: entrambe infatti vengono mantenute in un velo di ignoranza.

È importante capire se questo velo di ignoranza è voluto dall’amministrazione, e quindi dovremmo capire cosa si cela sotto il passaggio alla SRR di Trapani che non ci dicono, oppure è un fattore accidentale e allora l’amministrazione ci deve spiegare come intende governare per i prossimi cinque anni, se il suo modo di agire è regolato dalla più totale improvvisazione.

Come componente della Prima Commissione voglio fare una breve riflessione sulle riunioni che ci sono state per discutere l’argomento:

– nella prima abbiamo letto la delibera che l’amministrazione ci chiede, oggi, di approvare e tutti, sia opposizione che maggioranza, ci siamo subito resi conto che non avevamo gli elementi sufficienti per esprimere un parere. Quindi abbiamo fissato una riunione con la parte tecnica e quella politica per chiedere tutte le delucidazioni del caso;

– nella seconda riunione abbiamo quindi chiesto alla parte tecnica perché passare alla SRR Trapani Nord e, in particolare: quali sono i VANTAGGI? quali sono i COSTI? qual è il PIANO INDUSTRIALE? Le nostre domande hanno avuto come risposta un preoccupante “Non lo so”.

Alla parte politica abbiamo rivolto le stesse domande sperando in un esito diverso. Ma ci siamo illusi: il Sindaco ci dice che il passaggio alla SRR di Trapani conviene perché … “perché è meglio”. A parte che questa risposta rimane nel vago di una considerazione personale basata sul nulla, ma addirittura pochi giorni dopo il Sindaco smentisce se stesso lasciandosi scappare in un’intervista ad un’emittente locale che “non c’è differenza tra la SRR di Trapani e quella di Palermo”. Rimane quindi insoluta la questione principale: perché passare alla SRR Trapani Nord?

Inoltre abbiamo chiesto cosa ci rimane dell’ATO in liquidazione (a parte i debiti)? Inizialmente infatti Partinico aveva dato all’ATO i suoi mezzi, che utilizzava per gestire la raccolta: se c’è ancora qualcosa di utilizzabile,considerando che il personale dell’ATO sappiamo con certezza che ritornerà al Comune di Partinico, non dovremmo sottovalutare questi due fattori in vista di una gestione in proprio del servizio, come il Sindaco dichiara da anni di voler fare. Anche qui stessa risposta: l’Assessore Campione dice “non lo so”.

A parte questo c’è un altro problema di non poco conto: la SRR Trapani Nord è disposta ad accettare Partinico? Senza questa risposta avevamo poco di cui discutere, infatti il decreto regionale n 69 all’ART 1 dice che: il passaggio alla SRR Trapani Nord è autorizzato “previo assenso rilasciato da quest’ultima”.

Quindi che senso ha discutere del passaggio formale, cioè della delibera che oggi ci chiedono di votare, senza sapere se la SRR di Trapani autorizza questo passaggio?

– in quell’occasione il Sindaco prese tempo parlando di “questioni di influenza politica” e ci dice che ci farà sapere. Nella terza riunione si sarebbe dovuto parlare proprio di questo con il Sindaco, che, però, non si presenta.

Quindi oggi vorrei chiedere al Sindaco Lo Biundo tutto ciò che non siamo riusciti a sapere durante le varie riunioni e le cui risposte, oggi, non possono essere più rinviate:

– cosa ha risposto UFFICIALMENTE la SRR Trapani Nord in merito all’ingresso di Partinico? Chiedo una risposta UFFICIALE, lo ripeto, perché qui si ha l’abitudine di far passare una conversazione al telefono o una promessa fatta fra “compari” come una risposta ufficiale… per poi ritrovarsi con un pugno di mosche in mano: vedi ZFU.

– se il criterio di scelta deve essere la migliore gestione del servizio e il servizio verrà gestito direttamente dai Comuni, attraverso gli ARO, cosa cambia tra l’essere nella SRR di Trapani o in quella di Palermo?

– l’Amministrazione Lo Biundo ha elaborato un piano di intervento per la gestione dei rifiuti? O quantomeno, negli anni in cui è stata al governo di questa città, si è fatta almeno un’idea su come vorrebbe gestire il problema dei rifiuti?

– considerando che Partinico è passata, sotto l’intervento del Commissario straordinario, alla SRR Palermo area metropolitana e che, da quanto è emerso finora, sembra non ci siano differenze rilevanti tra le due SRR (Trapani e Palermo), ci spiega perché oggi siamo qui a parlare del passaggio alla SRR di Trapani anziché parlare della costituzione dell’ARO e quindi di come Partinico gestirà il servizio della raccolta dei rifiuti dal primo ottobre in poi, visto che l’ATO non esisterà più?

Spero che adesso risponderà alle mie domande, dimostrando almeno un minimo di rispetto nei confronti di questo Consiglio comunale. Rispetto che non ha dimostrato in questi mesi né nei confronti dei consiglieri di opposizione, né paradossalmente nei confronti dei suoi consiglieri di maggioranza. Rispetto che dunque è mancato nei confronti dell’intero Consiglio che, le ricordo, è espressione della democrazia e della pluralità di questo paese di cui, come Primo cittadino, non può non tener conto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente e beni comuni, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...