Quando i controlli su chi inquina? Il Sindaco non può dire di non sapere…

Nocella2Il gruppo consiliare Cambiamo Partinico ha presentato stamani un’interrogazione sui disservizi del depuratore comunale che versa in mare materiale inquinante a causa di una mole non indifferente di reflui abusivi che, senza alcun controllo, arrivano nell’impianto.

Sono decine le segnalazioni che l’APS, società che ha avuto in gestione il depuratore comunale, ha inviato negli anni ai vari organismi del Comune segnalando il decadimento della funzionalità dell’impianto a causa dell’ingresso di reflui abusivi provenienti dalle reti fognarie comunali. Una ventina nel solo 2013.

A confermare le informative dell’APS, è arrivata anche la relazione dell’ARPA che una settimana fa ha certificato l’esito delle analisi effettuate in diversi punti del Nocella e del Puddastri, confermando non solo la presenza di inquinamento dei corsi d’acqua, ma anche le cause dello stesso da individuare sia nella insufficiente capacità di depurazione degli impianti ma soprattutto da attività industriali quali le vinicole e le olivicole.

In quanto componenti del tavolo tecnico-politico, istituito per volontà del Comune di Trappeto, con l’obiettivo di risolvere l’inquinamento della foce del Nocella nel mare di S. Cataldo, sentiamo il dovere di chiedere conto e ragione al Sindaco di Partinico che non ci risulta abbia mai preso provvedimenti a seguito di queste gravi e precise segnalazioni.

Una inadempienza gravissima da parte del sindaco Lo Biundo che, come gli ha ricordato l’ARPA, è l’autorità competente che autorizza lo scarico nella rete fognaria ed è addetta al controllo del rispetto delle autorizzazioni rilasciate, oltre di eventuali immissioni anomale.

Considerato che, nell’ultima seduta del tavolo tenutasi qualche giorno fa nell’aula consiliare di Trappeto, ben due assessori della giunta Lo Biundo si impegnavano a dichiarare guerra all’inquinamento delle acque, ci aspettiamo che alla nostra interrogazione vengano date puntuali risposte non solo in relazione a quanto non fatto finora, ma soprattutto al Piano d’Azione futuro che, con l’ausilio della Polizia Municipale, il Comune vorrà mettere in campo per l’individuazione delle fonti di inquinamento nel nostro territorio.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente e beni comuni, comunicati stampa e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...