Quelli che istigano alla violenza perché si confrontano con i cittadini

1969272_10203365036391686_1671440770_nRiflessioni sulla manifestazione di oggi.

1) Non ricordo, almeno da quando faccio politica, che sia capitato che l’aula consiliare sia stata aperta alla città e che sia mai stata così gremita: è un risultato di non poco rilievo ma è importante che parzialmente ciò accada anche quando si tengono le sedute del consiglio comunale;

2) E’ stata un’occasione importante di informazione alla città e di ricollegamento della politica istituzionale con la gente: diffidare da chi vuole ascoltare solo in campagna elettorale (vd. Lo Biundo);

3) Abbiamo avuto la possibilità di far conoscere il piano finanziario truffa dell’Ato Rifiuti, l’affossamento della scomoda commissione d’indagine, gli elementi di illegittimità riguardo l’aumento del 27,4% della TARSU;

4) Abbiamo chiesto tante cose: il primo passo da fare è prorogare la scadenza del bollettino prevista per il 28 febbraio senza interessi di mora. Ma non basta: la questione è che se il servizio non è stato reso, il Comune non deve pagare più di quanto dovuto all’Ato e la tassa non va aumentata. Se il Sindaco non è disponibile come ha detto per impossibilità tecnica, ci sono altre vie da perseguire e che dovremo vagliare!

5) Il Sindaco conferma di essere un gran bugiardo e persegue la politica dello scarica-barile: lui che ha una maggioranza di una ventina di consiglieri (su 30) che indirizza a proprio piacimento voleva far passare il messaggio che le misure che abbiamo richiesto con la forza dell’appoggio popolare potevano benissimo passare, ordinariamente, in consiglio. Peccato che ci avessero già bocciato la proposta di rateizzazione in 4 rate e peccato che, nel novembre 2013, la seduta si concluse con urla e quasi con le mani;

6) NON FATEVI PRENDERE IN GIRO! Lo Biundo ha mentito sapendo di mentire quando:
– ha affermato di fare gli interessi della gente. Chiedetegli quanto ha speso in parcelle legali (circa 800.000 euro in 5 anni) e per quali avvocati; chiedetegli perché un giorno siamo senza soldi e il giorno dopo inizia ad assumere personale (380 dipendenti); chiedetegli perché non ha bloccato il servizio delle strisce blu (soldi incassati dal Comune: 0; soldi da voi pagati: decine di migliaia di euro); chiedetegli perché fa rimanere chiuso il parcheggio limitrofo all’Ospedale di via Castronovo (pronto da fine 2012); chiedetegli quanto paghiamo in premi per i capisettore, quanti dipendenti non sono collocati dove dovrebbero; devo continuare?
Vi faremo sapere i prossimi appuntamenti di un movimento che non finisce certamente qui…

Gianluca Ricupati

L’intervista del Sindaco Lo Biundo sulla grande manifestazione cittadina di oggi contro l’aumento della Tarsu senza alcun servizio corrispettivo, è puro delirio.
Il sindaco dice che i consiglieri di opposizione anziché fare manifestazioni dovrebbero fare proposte in consiglio comunale. Peccato che noi le proposte le abbiamo già fatte: contestare il piano finanziario dell’Ato che ci presenta un costo di 5 milioni e mezzo di euro per servizi che non fa; aumentare la rateizzazione per facilitare il pagamento ai cittadini già soffocati dalle tasse (che l’amministrazione Lo Biundo ha portato tutte al massimo); trovare nel bilancio maggiori risorse per coprire il costo totale del servizio (che oggi grava quasi completamente sui cittadini); iniziare immediatamente la raccolta differenziata, unico vero rimedio per abbattere i costi.
La risposta dell’amministrazione alle nostre proposte? Sempre la stessa: no, non si può fare.

Il delirio poi diventa totale quando il Sindaco minaccia di denunciare gli organizzatori della manifestazione perché hanno aizzato i cittadini contro di lui.
Ma come può una pacifica manifestazione di dissenso, una serena opportunità data ai cittadini di dire la loro su una questione così importante, un semplice momento di confronto, mettere in pericolo l’incolumità del Sindaco?
Forse il sindaco ha paura dei cittadini? Ma perché adesso ha paura del contatto diretto con i cittadini e solo pochi mesi fa, in campagna elettorale, invece non ne aveva? Forse perché adesso le promesse fatte allora hanno, con l’azione amministrativa (inefficace o addirittura inesistente), il marchio evidente della menzogna?

Quella manifestazione dovrebbe essere presa per quello che è: l’esplicitazione di un dissenso inevitabile per chi vede il proprio paese lasciato completamente allo sbando, inevitabile per chi con enormi sacrifici porta avanti il proprio dovere (pagare le tasse) ma non ne ricava alcun diritto (una città pulita). Questo è un sentimento che i cittadini provano e che il sindaco, in quanto primo cittadino, non dovrebbe avere difficoltà a comprendere.
Lo Biundo invece anziché “sbracciarsi” per cercare soluzioni, delega sempre le responsabilità ad altri e addirittura minaccia denunce.

Valentina Speciale

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...