Interrogazioni. Reti idriche e gestione pubblica dell’acqua.

downloadIl 28/11/2013, uscita la notizia che a seguito del fallimento di APS i 52 Comuni del Palermitano avrebbero ceduto le reti ad EAS (Ente Acquedotti Siciliani, in liquidazione, con oltre 500 milioni di euro di debiti), abbiamo tempestivamente presentato questa interrogazione per evitare passi falsi dell’amministrazione che ha, più volte, ricevuto dal Consiglio Comunale il mandato di lavorare per una gestione pubblica, in house, dell’acqua, secondo le volontà referendarie espresse dal popolo italiano nel giugno del 2011.

Ci è stato risposto sostanzialmente che si trattava soltanto di “voci di corridoio”, ma abbiamo colto l’occasione per fare alcune sollecitazioni all’Amministrazione Comunale.

Replica in consiglio di Gianluca Ricupati

“L’interrogazione che risale a novembre evidentemente aveva un carattere preventivo rispetto ad eventuali scelte sbagliate che il Comune di Partinico poteva avallare, come è stato fatto nel passato (vedi consegna reti ad APS).

Mi sarebbe piaciuto poter esprimere un plauso a questa amministrazione, come lo faccio in questa sede nei confronti dei Comuni di Trappeto, Terrasini, Cinisi e dei loro Sindaci che si stanno scontrando contro le cieche e illegittime decisioni del governatore Crocetta, risaputo venditore di fumo che in campagna elettorale invocava l’acqua pubblica e ora si tira indietro, e dell’assessore Marino che sta dimostrando tutta la propria incompetenza e improvvisazione nei temi scottanti ed urgenti dei rifiuti e dell’acqua.

E’ evidente che questa Amministrazione, per evidenti ragioni di appartenenza e convenienza personale (qualcuno in questo comune pensa già al proprio futuro politico in scranni più importanti), questo scontro con la cattiva politica regionale non lo vuole intraprendere. Mai inimicarsi qualcuno che potrebbe tornare utile. E questo a danno dei cittadini che, ricordiamolo per l’ennesima volta, hanno votato per la ripubblicizzazione del servizio idrico e, soprattutto, per eliminare qualsiasi forma di profitto privato sull’acqua.

Noi siamo convinti che il Comune di Partinico non si può permettere di rimanere sempre, come lo è stato in questi anni, in balia delle decisioni altrui: per questo, se non lo farà l’Amministrazione come ha riferito di voler fare (senza che ne siano però seguiti atti concreti) per il tramite dell’assessore Pantaleo in sede di conferenza dei capigruppo, metteremo in campo tutti gli strumenti a nostra disposizione per assicurare ai nostri cittadini una gestione pubblica del servizio idrico.

Voi potreste cominciare ad invertire la rotta affiancando quei coraggiosi Comuni che citavo prima che non si arrendono all’improvvisazione di Crocetta e non hanno paura di contrapporsi a scelte che, nelle more dell’approvazione di nuove leggi, consegneranno le nostre reti nelle mani di altri privati o, ancor peggio, le lasceranno in uno stato di abbandono come sta avvenendo attualmente (si veda ad esempio rottura della fognatura di via Foscolo, lì da quasi un mese e chissà per quanto altro tempo ancora).”

A tal proposito, l’assessore Campione ci ha fornito due note inviate all’attuale Autorità d’Ambito che ha la gestione temporanea delle reti idriche e fognarie con cui gli uffici sollecitavano un intervento in via Foscolo. Poiché le note sono rimaste senza un riscontro, abbiamo consigliato di effettuare comunque l’intervento addebitandolo all’ATO idrico 1 Palermo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Interrogazioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...