Genchi smentisce lo smemorato e invisibile Lo Biundo sulla distilleria Bertolino

Pubblichiamo integralmente la lettera del dott. Ino Genchi che rettifica le fantasiose considerazioni del Sindaco Invisibile, il quale non solo non si presenta alla Conferenza dei Servizi sulla distilleria Bertolino (la sig.ra Antonina ringrazia…) ma ha anche il coraggio di lanciare opinabili insinuazioni sul dott. Genchi che ha rappresentato Legambiente al tavolo regionale.

Redazione Telejato,

in riferimento al servizio mandato in onda dal vostro TG di venerdì 13 u.s. relativo alla conferenza dei servizi sulla richiesta di rinnovo dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera della Distilleria Bertolino, devo segnalare una serie di notevoli inesattezze (evito l’uso del termine siciliano che meglio renderebbe il concetto), alcune delle quali mi toccano anche in maniera offensiva sul piano personale e sull’attività di (ex) dirigente del suddetto Dipartimento, di cui chiedo doverosa rettifica con lo stesso mezzo. Vado, sinteticamente, nell’ordine:

1) non so se si tratta di una defaillance mnemonica o di altro del sindaco Lo Biundo e della redazione, ma entrambi sanno molto bene che io non sono mai stato il direttore del dipartimento ambiente, bensì il responsabile del servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” e la differenza, in tutti i sensi, non è di poco conto, anzi;

2) il sindaco ed il direttore del TG duettano vicendevolmente, mostrando sorpresa ed ironia e chiedendosi, come mai io non mi fossi accorto a suo tempo – stiamo parlando del 2003-2004 – se la Distilleria fosse soggetta ad AIA; ancora una volta entrambi incorrono in una defaillance mnemonica, poichè tutti e due dovrebbero sapere che l’AIA viene regolamentata dal D.lgs. 59 del 2005, cioè un anno dopo il rilascio dell’autorizzazione alle emissioni in tmosfera, ed allora come oggi l’AIA è stata di competenza di un altro ufficio del dipartimento ambiente; aggiungo che ad oggi, dopo 10 anni, l’ufficio competente si deve ancora pronunciare, come hanno riferito i funzionari intervenuti nella conferenza dei servizi di giorno 12, sull’assoggettabilità della distilleria ad AIA; pertanto, sono io che, con sorpresa ed ironia, mi stupisco di chi nel servizio fa la pessima figura di non ricordare la banale realtà di fatti arcinoti;

3) nei titoli e nel servizio si afferma testualmente “guarda caso si sveglia anche Genchi”; si tratta, come Sindaco e Telejato sanno molto bene, di una insinuazione capziosa e falsa; il dott. Genchi in questi anni non ha dormito, ma proprio in seguito alla vicenda Bertolino ed al diniego alle autorizzazioni alle emissioni dei previsti 4 megainceneritori dei rifiuti urbani, è stato (maldestramente) deferito assieme al collega Alessandro Pellerito alla commissione regionale di disciplina per non essersi voluto piegato ai voleri del direttore Marinese sull’autorizzazione alla Distilleria; la commissione li ha prosciolti da ogni addebito ed il giudizio è costato alla Regione 16000 euro di rimborso di spese legali; ma, a seguire, mi è stato revocato l’incarico di responsabile del servizio 3, restando in tale condizione e nel generale dimenticatoio per circa 7 anni e subendo, tra l’altro, un danno economico complessivo di oltre 150.000 euro (lordi); sulla vicenda, dopo le pronunce favorevoli della magistratura, dovrò adesso, da pensionato, andare ad impiantare la causa di risarcimento; pertanto, in questi anni, ci sono state ben altre persone che hanno dormito e dimenticato il caso Genchi ed il caso Alessandro Pellerito, come il fatto che quest’ultimo, disgustato e sconfortato da questa situazione di abbandono, ha deciso di troncare il rapporto di lavoro con la Regione ed è emigrato con la famiglia in Canada; entrato in Regione come vittima della mafia, perchè investito con altri compagni di scuola dall’auto di scorta di Borsellino, è uscito dalla Regione come vittima della mafia dei colletti bianchi, nel vergognoso silenzio generale;

4) in questi 10 anni, invece, Sindaco e Telejato si sono “sorbiti” il c.d. decreto Marinese che, revocando il mio decreto, n. 368/2004, ha concesso alla distilleria limiti alle emissioni blandi, sistemi di monitoraggio in continuo irrisori e nessuna prescrizione per lo stoccaggio e l’essiccazione delle vinacce (allego il file in cui si confrontano le prescrizioni previste dal mio decreto, 368, e del Marinese, 1140); e, dopo 10 anni, come ho potuto constatare quando Legambiente mi ha chiesto di rioccuparmi della vicenda, nulla è cambiato, è come se il tempo si fosse fermato; quindi, sono io a stupirmi, non solo di questo fatto, ma che Sindaco e Telejato facciano finta di stupirsi;

5) infine, faccio presente che i suggerimenti tecnici riportati nel servizio televisivo (stoccaggio al chiuso in depressione delle vinacce, l’inutilità della loro copertura con teloni, anzi il possibile peggioramento della situazione con tale metodo, la necessità dei sistemi di monitoraggio in continuo, ecc.) sono quelli da me esposti già 10 anni fa (stoccaggio al chiuso) nel decreto 368 e nell’Ordinanza Sindacale del 2007 (Giunta Motisi), mentre tutti gli altri li avevo anticipati ai rappresentanti della società civile di Partinico prima della conferenza dei servizi e li ho poi dettagliatamente esposti nell’intervento finale nella stessa conferenza; ad essi la Distilleria ed i suoi consulenti non sono stati in grado di replicare alcunchè; devo, purtroppo rilevare che il Comune è arrivato alla conferenza piuttosto impreparato in quanto ad osservazioni e proposte operative.

Confido che la redazione fornisca ai telespettatori del TG le precisazioni richieste e dovute, secondo quanto previsto dalle norme vigenti in materia, utilizzando per maggiore chiarezza anche la documentazione che allego.

dott. chim. Gioacchino Genchi

Genchi Marinese Genchi1 Genchi2 Genchi3

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente e beni comuni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...