Documento conclusivo assemblea “Agricoltura in crisi”

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali

Alle Commissioni Parlamentari Agricoltura

Al Presidente della Regione Sicilia

All’assessore Regionale all’agricoltura

Alla Commissione ARS Agricoltura

Al Sindaco di Partinico

Oggetto: IMU terreni agricoli

L’assemblea convocata in data 27 febbraio nella sala convegni del Palazzo dei Carmelitani di Partinico dal Gruppo consiliare “Cambiamo Partinico” e alla presenza di cittadini, amministratori, dirigenti sindacali e di categoria, dopo ampia discussione, approva il seguente documento:

Al Governo e alle forze politiche nazionali

L’applicazione dell’IMU sui terreni agricoli si configura sempre più come una vera e propria tassa sul bene strumentale fondamentale degli agricoltori.

Emerge chiaramente come l’agricoltura del nostro territorio, già travolta da una grave crisi, viene ulteriormente sottoposta ad un vero e proprio salasso tributario ingiusto e penalizzante che compromette ancor di più la filiera agroalimentare che è un reparto fondamentale per la crescita e lo sviluppo del nostro Paese.

Un ulteriore inasprimento fiscale è inaccettabile specie in un territorio come il nostro in cui l’impresa agricola è strutturalmente poco competitiva sul mercato “globale” e soggetta ad imprevisti spesso disastrosi che aggravano sempre più la già pesante disoccupazione che investe il settore. Al contrario le stesse imprese avrebbero bisogno di maggiori sostegni economici da parte dello Stato e delle stesse Istituzioni locali.

L’IMU è, dunque, una tassa iniqua di cui si chiede fortemente l’abolizione.

Al Governo e alle forze politiche regionali

Nel contempo, nello scenario regionale siciliano, seppur gli agricoltori del territorio apprezzino la volontà dell’attuale Assessore regionale all’Agricoltura, avv. Caleca, che intenderebbe combattere l’abusivismo nel settore della gestione e distribuzione dell’acqua dell’invaso Poma, nonché il recupero di larghe fasce di evasione che supera il 60%, oltre che procedere con la riduzione degli emolumenti ai dirigenti, tuttavia non si può tacere sul fatto che il comprensorio del partinicese presenti una rete irrigua disastrata, una situazione gestionale scadente, un servizio di interventi e manutenzione delle reti scarso ed improntato all’improvvisazione quando non al favoritismo, con costi dell’acqua assolutamente non sopportabili da parte dei coltivatori.

Tutto questo impedisce la crescita delle utenze con il conseguente mancato incremento del consumo dell’acqua e degli introiti, facendo aumentare in maniera esponenziale la sfiducia di un consorzio di bonifica, perennemente commissariato, che per volontà regionale ha esautorato con esiti disastrosi un modello sicuramente più virtuoso e democratico di gestione com’era la Cooperativa Consorzio Irriguo Jato nata dalle lotte dei coltivatori con la guida di Danilo Dolci.

I coltivatori del Partinicese non solo respingono qualunque aumento del costo dell’acqua dell’invaso (già raddoppiato dal 2008 al 2014) ma chiedono, al contrario, il rispetto degli impegni precedentemente assunti dall’Assessorato nei confronti del Comitato democratico per la sana gestione delle acque della diga Jato, e cioè una gestione più efficiente e razionale del sistema, interventi a breve e a lungo termine sulle reti colabrodo e la revisione dell’attuale tariffazione adeguandola alla situazione di crisi che vive l’agricoltura del nostro territorio.

All’Amministrazione comunale di Partinico

Alla politica locale chiediamo che, nell’eventualità in cui il governo nazionale decida di non cancellare l’IMU agricola, ci si impegni a concedere agli agricoltori aliquote ridotte rispetto a quelle attuali (che sono al massimo consentito) e/o a garantire investimenti, oggi inesistenti, sul comparto agricolo attraverso gli introiti ottenuti mediante tale tassazione.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente e beni comuni, Documenti. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...