Se la responsabilità è nostra, vi evitiamo il disturbo.

libero dissensoSiamo rimasti in silenzio fino ad ora a sentire le gravissime dichiarazioni del sindaco e di esponenti della maggioranza, che hanno ricondotto i recenti avvenimenti al clima di odio sociale che l’opposizione, a loro dire, avrebbe fomentato mediante la propria attività politica.

È inammissibile che atti di questo tipo vengano attribuiti a chi quotidianamente porta avanti la propria attività politica in chiara opposizione a questa Amministrazione, ma sempre nel rispetto dei ruoli istituzionali.

Chiedere ai cittadini di far valere i propri diritti non può e non deve, in uno Stato democratico, essere tacciato come un volere istigare alla violenza una popolazione che soffre e che vede negati i propri diritti in una città che è, oramai, ridotta a luogo di degrado, nonostante le tasse che paghiamo siano tra le più elevate della Sicilia.

Far passare il dissenso politico e sociale come odio personale è una vecchia squallida strategia per non affrontare i problemi che ci sono e sono sotto gli occhi di tutti, è il classico modo usato per non rispondere nel merito su questioni che sono esclusivamente politiche.

Credendo fermamente che gli avvenimenti recenti non siano manifestazione di dissenso, ma atti riprovevoli che niente hanno a che fare con la politica, che quindi non hanno niente a che fare con l’attività portata avanti dall’opposizione consiliare, ci aspettiamo che il sindaco e gli altri esponenti politici facciano un passo indietro sulle posizioni prese e chiedano pubblicamente scusa a tutta l’opposizione consiliare.

Se ciò non dovesse avvenire riteniamo fuori luogo partecipare ad un momento di solidarietà, come il consiglio comunale straordinario, da parte di chi, come noi, viene ritenuto responsabile di quei gesti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Se la responsabilità è nostra, vi evitiamo il disturbo.

  1. Viviano Francesco ha detto:

    Penso che voi dobbiate partecipare al consiglio straordinario e in quella sede manifestare le vostre ragioni. Non partecipando darete modo di essere additati ulteriolmente e perderete l’ occasione di dire in aula consiliare quanto sia deplorevole quello che è avvenuto. Continuate col vostro impegno, la democrazia è libero scambio di opinioni.
    Viviano Francesco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...